Antonio-

Il Direttore generale

Antonio Cagnan

Il Direttore generale è il direttore generale.

AP-

Il Direttore strategico

Annapaola Cagnan

Il direttore strategico definisce la strategia della comunicazione,
disegnandone le linee da un punto di vista logico ed emotivo.
Per farlo deve mediare tra la pura creatività e l’identità del marchio, di modo che il piano presentato coincida con gli obiettivi di marketing. Gli aspetti sociali e culturali del contesto in cui la marca vuole imporsi sono fattori determinanti di cui deve tenere conto: da qui prende l’ispirazione creativa che si tramuterà in una strategia razionale.

Luk-

Il Direttore creativo

Luca Celi

Il direttore creativo decide le linee guida del progetto, partecipando alla strutturazione della comunicazione assieme al direttore strategico e coordinando il lavoro di copywriter e art director. A lui il compito di concettualizzare il progetto, dando al reparto creativo gli spunti per tradurre in immagini, suoni e parole l’idea. Si nutre di ispirazione e agisce per istinto, ma deve poi verificare la corrispondenza tra il risultato finale e gli obiettivi di marketing.

AP-Luk-

La Coppia creativa

è la coppia creativa

La coppia creativa rende tangibile l’idea strategica, dando forma e parola al messaggio. Nello specifico l’Art Director si occupa di visualizzare il concetto, mentre è il Copywriter a verbalizzarlo. Si parla di coppia perché solo la perfetta corrispondenza tra parte visiva e parte verbale può dare efficacia alla comunicazione. Diventa triangolo creativo quando è coinvolto anche il web designer, ma può in realtà moltiplicarsi all’infinito in base al progetto. Il risultato deve essere sempre unico e semplice, poiché semplificare è il modo più efficace per rendere accessibile un messaggio.

Ste-

Il Grafico

Stefano Scariot

Il grafico rende esecutive le indicazioni che riceve da art e copy, lavorando in stretta sinergia con l’account di modo che il risultato finale incontri la sensibilità del cliente. Da lui dipende l’impatto visivo che avrà la proposta e lavora quindi a livello emotivo. Deve però anche avere le conoscenze tecniche necessarie all’utilizzo degli strumenti di cui dispone, cosicché la fase eterea della creatività si trasformi in qualcosa di materiale. Un progetto vincente deve essere prima di tutto un progetto realizzabile.

Web_designer

Il Web Designer

Federica Bee

Il web designer si occupa dell’ideazione di siti web e dello sviluppo di progetti multimediali. Il suo compito è quello di tradurre in un linguaggio comprensibile per il web l’identità del marchio, utilizzando le tecnologie disponibili per mediare tra emotività ed esigenze di navigazione. Deve creare un progetto che sia appetibile visivamente, ma è poi la buona fruibilità delle informazioni che rende accessibile il contenuto. Per lui il design deve essere funzionale, in quanto è il tramite che collega utente e informazioni. Solo in questo modo internet sarà l’estensione on-line di quanto accade off-line.

Account

L’Account

Vincenzo Della Vecchia

L’account è chi si relaziona con il cliente in modo più stretto, gestendo in prima persona il rapporto. Il suo ruolo è fondamentale perché fa da ponte tra l’interno e l’esterno, riportando in agenzia richieste ed esigenze del cliente e seguendo poi l’avanzamento del progetto fino alla sua realizzazione in uno scambio continuo di informazioni, sensazioni, stimoli. L’empatia che si viene a creare è ciò che permette alle idee di nascere ancor prima che ve ne sia richiesta. In questo modo il prodotto finale sarà non solo l’espressione di un’esigenza di marketing, ma la realizzazione di un desiderio.

MediaPlanner

Media Planner

Francesca Bisatti

Il media planner definisce canali, quantità e tempi dell’investimento pubblicitario, suddiviso tra i vari media. Il suo strumento di lavoro è il piano mezzi, il dettaglio fase per fase della campagna decisa assieme al direttore strategico. Il suo compito è quello di analizzare le abitudini dell’utenza a target in modo da conoscerne i movimenti, gli interessi, le presenze e in base a questi decidere gli acquisti.
Dà obiettività alle scelte che opera attraverso dati oggettivi, studi e calcoli, ma è l’intuito che fa del suo lavoro un lavoro creativo. In questo modo si anticipano le mosse dell’utente per coglierlo di sorpresa.